Tu sei qui: Portale » Blog Pancho Pardi » Articoli » Tutta colpa di Renzi. I dirigenti PD si autoassolvono

Tutta colpa di Renzi. I dirigenti PD si autoassolvono

Dopo che Cazzullo sul Corriere ha paragonato la cerimonia della direzione PD convocata sulle dimissioni di Renzi all'atmosfera nell'ufficio di Fantozzi dopo la morte per rosolia a 106 anni del direttore duca conte Vignardelli Bava, sembra davvero inutile infierire.
Ma è curioso che tanto Renzi quanto le sue vittime consenzienti sfuggano il tema principale. Perché il 4 dicembre 2016 gli italiani hanno bocciato la loro riforma costituzionale? Perché il 4 marzo 2018 il PD ha perso milioni di voti? Perché l'esperienza "bellissima" degli anni di governo PD si é conclusa con una sconfitta catastrofica? Se la sua politica era tanto progressiva e riformista, se aveva rilanciato l'economia, migliorato la scuola, motivato i giovani e consolato i vecchi, perché questo disastro?
Forse gli italiani preferivano azzoppare lo sviluppo, rovinare la scuola, frustrare i giovani e intristire i vecchi?

Si può capire Renzi nella sua ricerca impossibile di risalire al contrario il corso del tempo: non l'hanno fatto votare quando poteva vincere (??); il futuro che in campagna elettorale era "adesso" ora invece tra breve ritornerà (e chi garantisce che non sarà un nuovo disastro?); e soprattutto "nessuno vorrà negare che se avesse vinto il Sì e non fosse stato bocciato l'Italicum ora non saremmo in questo stallo"...chissà forse non sfugge nemmeno a Renzi che in questo caso, col premio di maggioranza imposto da lui con voto di fiducia, ora i Cinque Stelle sarebbero già al governo e non avrebbero bisogno di neanche un voto dei suoi...
E con un po' di generosa pietà si può perfino capire la sua apologia della libertà di stampa americana (w the post!) a patto di scordarsi le telefonate intimidatorie di Palazzo Chigi ai giornalisti, che qualche direttore di giornale potrà facilmente ricordare...

Ma insomma non insistiamo su Renzi. Ma la giaculatoria PD! Non si può processare Renzi, non c'è un solo responsabile. Certo, gli siete andati dietro come al pifferaio di Hammelin, ma l'incanto è finito: guidati dal più pimpante dei vincenti avete collezionato sconfitte brucianti. Allora, se non volete processare solo lui, traete la conseguenza: processatevi. E non assolvetevi. Perché siete responsabili tutti. Perché se, così come siete, senza una profonda autocritica, pensate di "ripartire dal territorio" forse ripartirete ma sarà difficile che possiate tornarci.

Azioni sul documento