Tu sei qui: Portale » I diritti degli animali » Articoli » ABBIAMO VINTO, GLI ANIMALI HANNO VINTO

ABBIAMO VINTO, GLI ANIMALI HANNO VINTO

COMUNICATO STAMPA dell'ordinanza del Giudice per le Indagini preliminari contro le Botticelle a Firenza. impone l'imputazione coattiva al Pubblico Ministero, pertanto il fiaccheraio dovrà affrontare un processo per maltrattamento di animali Art.544 C.

E' stata comunicata venerdì 13 luglio l'ordinanza del Giudice per le Indagini preliminari presso il Tribunale di Firenze, dove il Giudice ordina che il PM formuli l’imputazione in ordine al reato di cui all’articolo 544 del codice penale

il Pubblico Ministero, ossia la pubblica accusa, dovrà ora stare a quanto impostogli dal Giudice per le indagini preliminari che ha respinto la richiesta di archiviazione, ritenendo che il fascicolo fosse maturo per poter essere portato al dibattimento, essendo le indagini sufficienti. Il Pubblico Ministero, ora, dovrà emettere una citazione davanti al Tribunale chiamando il fiaccheraio a rispondere di maltrattamento di animali, non potendo il suo comportamento essere considerato di sola rilevanza amministrativa.”

Il Pubblico Ministero, infatti, aveva richiesto l'archiviazione del procedimento non ritenendo integrabile il reato in presenza di una fattispecie di carattere amministrativo, quella in virtù della quale era stata elevata una multa al fiaccheraio per aver fatto trainare al proprio cavallo, il 7 agosto 2015 con una temperatura di almeno 39 gradi, prevista dal Regolamento comunale per la tutela degli animali da ultimo modificato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 del 7.04.2014 che prevede, all'art. 43 comma 3, il divieto di “sottoporre l’animale ad attività di trasporto quando la temperatura ambiente sia superiore a 35° (gradi centigradi) all’ombra”.

Il “fiaccheraio” fu sanzionato amministrativamente da una guardia zoofila e un ‘attivista animalista /antispecista, venuta a conoscenza dei fatti, assistita dall'Avv. Thomas Bassino del Foro di Cuneo, avviò il procedimento penale che, con questa ordinanza, dovrà essere valutato dal Tribunale di Firenze per il reato di maltrattamento di animali.

L'utilizzo degli animali da traino con simili temperature, in base ad una relazione di una veterinaria specializzata in equidi, prodotta nel procedimento penale, può cagionare gravissime sofferenze per l'animale e la difesa del fiaccheraio, il quale ha sostenuto di aver sottoposto a visita l'animale, producendone certificato, non ha evidentemente portato ad escludere che, invece, il giorno precedente, l'animale soffrisse il caldo.

 Erano i giorni in cui fu diffusa un'allerta della Protezione civile che metteva severamente in allarme la collettività e non potrà certo quindi sostenersi che della temperatura o delle sue pericolose conseguenze nessuno fosse a conoscenza. 

Inoltre  si erano svolte  molte manifestazioni di attivisti animalisti /antispecisti contro le Botticelle  nelle piazze di Firenze.

 Ci chiediamo come sia possibile che  tutt’oggi  la  maggioranza  della magistratura italiano sia così sorda e cieca  alle lotte antispeciste e che  tutt’oggi  sia   così condizionata  nel emettere giudizi , da una cultura antropocentrica.

  Come è possibile  che la magistratura italiana non tenga conto    di una importante  norma europea di  11 anni fa ,  l’Articolo 13 del Trattato di Lisbona ,in vigore in Europa dal 2007 e in italia dal 2008 che definisce gli animali,tutti, ESSERI SENZIENTI, ed che  obbliga gli Stati Membri ad attivarsi nei vari campi ,  affinché si rispetti  il loro benessere, la loro vita   in base alle loro esigenze etologiche come ogni altro essere vivente?

 Come mai la magistratura ad oggi  non tiene  eticamente conto di questa norma , che è di rango paracostituzionale,  e che mette in  luce al carattere antropocentrico del Diritto Animale  e della Magistratura in generale? 

  Nel  nostro caso   abbiamo una riprova  di quanto sopra detto,perché un Pubblico Ministero  chiede l’archiviazione della denuncia  senza neppure  essersi informato del REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TUTELA DEGLI ANIMALI , mettendo in atto una discriminazione specista, considerando quindi l’animale un mezzo di trasporto e non un essere senziente , un oggetto di uso della specie umana e non un soggetto  di diritto al suo benessere come qualsiasi altro essere vivente.

Questa “cecità” etica, non è più tollerabile, oggi ,dopo più di 40 anno di letteratura  animalista /antispecista,  dopo più di trenta  anni di lotte del movimento animalista /antispecista in tutta Europa , che ha riempito le piazze   Italiane contro l’assoggettamento e  la schiavitù in cui gli animali sono sottoposti dalla specie umana negli allevamenti intensivi , barbaramente uccisi nei macelli,  usati come cavie per la ricerca farmaceutica ,la vivisezione, sparati a milioni per sport  come la caccia, usati come oggetti nei circhi ,nei pali ,nelle sagre., usati come mezzi di trasporto , per il piacere dei turisti ed il profitto dei fiaccherai.

E’ ora che la magistratura , nella sua totalità, si faccia carico  di questa violenta e sanguinosa discriminazione di specie, lo specismo .

E’ ora che  la magistratura  assuma  nei suoi giudizi un.etica antispecista,  nella misura un cui si parla di maltrattamenti, di violenze, di uccisioni, di morte di esseri  senzienti, gli animali, che non hanno voce per liberarsi dallo sfruttamento sempre più dilagante  e sempre più violento in cui miliardi di animali   sono sottoposti  dalla specie umano per profitto .

 Gli animali non sono oggetti, non sono merce, non sono cavie, non sono mezzi di trasporto : ogni anno   150 miliardi di animali vengono uccisi nel mondo per sfamare il pianeta, milioni vengono uccisi da criminali  cacciatori   autorizzati dai politici  per esigenze elettoralistiche  favorite della lobbies venatorie. milioni vengono torturati ed uccisi nei laboratori della ricerca, centinaia sottoposti a maltrattamenti come nel nostro caso.

Facciamo dunque un appello alla Magistratura affinchè  si renda conto della sua arretratezza etico/ culturale , che spesso si traduce in una discriminazione specista.

 STEFANIA SARSINI

 Blog " I DIRITTI  DEGLI ANIMALI", liberacittadinaza.it

 Membro del Glea, Gruppo di Lavoro per l'Etica Antispecista

 Membro del Comitato Etico Associazione Vegani Italiani

Azioni sul documento
Il patto sporco, Le verità che molti volevano nascondere"

PERCHÉ NON TI FANNO RIPAGARE IL DEBITO - Marco Bersani"

Come si sta riorganizzando la mafia dopo la morte di Riina: minacce, bombe ed estorsioni"

 
« dicembre 2018 »
dicembre
lumamegivesado
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31