Tu sei qui: Portale » Dalle Sedi » Parma » Articoli » RI-CONDONO

RI-CONDONO

B compra sempre ciò che gli serve. Senza scrupoli. Occorre un parlamentare per far cadere il governo ostile? Lo compra. Serve un testimone giusto? Basta un bonifico. C'è in ballo una sentenza importante? Mazzetta scaccia-pensieri. La mafia disturba? Si risolve tutto con comode rate, concordate grazie ad amici mafiosi.


Ora ci sono le elezioni. E Silvio compra gli elettori di destra con l'ennesimo ri-condono. Tanto gli individualisti non sanno cos'è la bellezza pubblica, mentre sbavano per il mattone privato. Per salvare la forma, B parla di necessità, di una vaga comunicazione dei lavori, di formali controlli ex post. Ma la promessa ha il fiato caldo sull'orecchio della proposta indecente: votatemi e vi farò fare quello che vi pare.

E la sinistra?  Di fronte a questo programma di libero saccheggio, dovrebbe impegnarsi a varare un piano nazionale di case popolari sull'idea del Piano Fanfani, per mandare un messaggio altrettanto chiaro, ma opposto a quello di B: faremo finalmente case decorose e ben progettate per famiglie a medio-basso reddito, perché la fame di alloggi non si risolve butterando di cemento parchi, coste e città. Ma trovando un equilibrio tra i bisogni privati e il paesaggio di tutti.

Massimo Marnetto
Azioni sul documento