Tu sei qui: Portale » Dalle Sedi » Roma » Articoli » Israele e il tiro al palestinese, se siamo leali dobbiamo dire che sta facendo un errore tragico

Israele e il tiro al palestinese, se siamo leali dobbiamo dire che sta facendo un errore tragico

Soldati che puntano il fucile, prendono la mira e sparano sui dimostranti. Abbattendoli come birilli. Leggete il racconto delle manifestazioni a Gaza di Piotr Smolar su Le Monde. Lui c’era.
Decine di manifestanti uccisi sotto i suoi occhi. Se fosse successo in una qualsiasi parte del mondo, saremmo tutti insorti. E invece questo crimine scivola via perché l’ha compiuto Israele. Come è già successo in altri casi: quando le truppe israeliane assaltano le navi delle ong e uccidono.

Quando agenti segreti israeliani compiono raid punitivi in giro per il mondo. Israele alza muri, segrega milioni di persone nei territori occupati razionando acqua ed elettricità alla popolazione. A donne e bambini. E nessuno dice niente. Ma tacere è tradire Israele e l’amicizia che ci lega al suo popolo (non al suo governo che autorizza azioni tanto atroci).

Se siamo leali dobbiamo dire a Israele che sta facendo un errore tragico, che sta tradendo se stesso. Che attira su di sé un odio feroce ed espone tutti noi a una guerra senza fine. Le azioni criminali, come il tiro a segno sui palestinesi, restano tali anche se compiute da un amico.

E per favore non diamo dell’antisemita a chi critica Israele. Non cadiamo nel vecchio infame tranello. Criticare Israele si può, si deve talvolta. Amare il popolo ebraico per quanto ha dato al mondo e quanto il mondo gli ha tolto si deve sempre. Ma qui viene un dubbio: noi tacciamo sulle nefandezze compiute dall’esercito israeliano, sulle scelte dissennate del governo Netanyahu perché abbiamo la coscienza sporca. Perché ricordiamo giustamente l’olocausto, massimo crimine dell’umanità. Ma ecco il paradosso e l’ipocrisia: responsabili del genocidio siamo stati noi italiani e i tedeschi. È stata l’Europa. Non i palestinesi. Noi tacendo facciamo pagare ai palestinesi un orrore compiuto da noi. Ci laviamo le coscienze con il sangue altrui.

Azioni sul documento
Il patto sporco, Le verità che molti volevano nascondere"

PERCHÉ NON TI FANNO RIPAGARE IL DEBITO - Marco Bersani"

Come si sta riorganizzando la mafia dopo la morte di Riina: minacce, bombe ed estorsioni"

 
« dicembre 2018 »
dicembre
lumamegivesado
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31