Pareggio di Bilancio in Costituzione...

di Maurizio Sbrana - Liberacittadinanza - 16/02/2016

La più grave crisi finanziaria ed economica che ha colpito il mondo dal tempo del 'ventinove' e che data ormai circa 8 anni ( e che purtroppo non si è affatto ancora risolta, come anche le forti turbolenze dei mercati di queste ultime settimane ci manifestano), ha avuto, almeno per quanto riguarda la nostra Unione Europea, la dabbenaggine di essere 'aiutata' anche da una misura letteralmente idiota, presa con l'Accordo europeo del marzo 2012, che praticamente impone agli Stati membri dell'Unione il cd. "pareggio di Bilancio"...

Economisti di fama mondiale, quali Paul Krugman, premio Nobel per l'economia, ritenne che il pareggio di bilancio "possa portare a gravi distorsioni del welfare state"..., ma ovviamente i gufi e le cassandre non sono mai stati ascoltati...

E così anche la nostra Italia, tra i 'compiti a casa' che le furono assegnati a quel tempo, dovette assoggettarsi all'inserimento del pareggio di Bilancio in Costituzione, mediante la Legge Costituzionale n.1 del 20.4.2012, votata a maggioranza di oltre i 2/3 nella seconda votazione, precludendo cioè la possibilità di un Referendum popolare...Votarono il PD, il PDL, il Terzo Polo (Montiani) e Lega Nord.

L'Art.81 della nostra Costituzione era molto più "saggio" e recitava infatti:
"Lo Stato assicura l'equilibrio tra Entrate e Spese del proprio Bilancio, tenendo conto delle fasi avverse e delle fasi favorevoli del ciclo economico..."

È ovvio che tale Articolo, come moltissimi altri, è stato per lo più disatteso, ma tuttora, pur con le nuove norme costituzionali in essere, i DEFICIT dei Bilanci Pubblici italiani non riescono a riequilibrarsi...Anche il 2015 si è infatti chiuso con un deficit di oltre 49 miliardi di euro!
(Il pareggio di bilancio doveva scattare dall'anno 2013...).
I governi si trincerano sotto la clausola del 'Bilancio strutturale'..., ma era proprio impossibile, per i soloni di Bruxelles, capire che una misura del genere era chiaramente incongruente e temporalmente sbagliata? ...

(E così ogni Paese continua a fare i salti mortali, per tentare da un lato di non far morire di fame i propri popoli e dall'altro di non urtare troppo la suscettibilità della Germania ueber alles...).

Mah!
Maurizio Sbrana da Lucca.

27 maggio 2019

E ORA CHE SI FA ? ...

Maurizio Sbrana
31 maggio 2019
4 giugno 2019

GLI ERRORI SI PAGANO ...

Maurizio Sbrana