Bella Ciao e Giovinezza

di Pancho Pardi - 05/11/2010

Verrebbe da dire: di che cosa si è costretti a parlare. In fondo solo solo canzonette. Ma se la proposta di cantare a San Remo Bella ciao pone la necessità di cantare Giovinezza o di non cantare nessuna delle due, vuol dire che l’uso strumentale della par condicio ci spinge verso l’idiozia.

Strumento insufficiente a difesa dalla prevalenza di un soggetto dominante sulla scena mediatica e politica, non c’è ragione che la par condicio regoli il rapporto tra canzoni.

Poi basta immaginare che se al festival della canzone tedesca si canta l’inno della Rosa Bianca (la resistenza cattolica) con la scusa della storia si debba allora cantare l’inno dei giovani nazisti. In Germania nessuno oserebbe proporlo, perché lì è stato elaborato un senso di colpa verso il nazismo.

Giovinezza è di per sé una canzonetta innocente, ma se La Russa ne motiva l’esecuzione in nome della storia allora non è più innocente. E dimostra che in Italia non è stato elaborato un senso di colpa verso il fascismo. Che certo fa parte della storia, ma è tutt’altro che innocente.

C’è un solo contesto in cui si potrebbe sopportare l’esecuzione di Giovinezza: la si dedichi a San Remo a tutti coloro cui il fascismo ha impedito o troncato la giovinezza.

20 giugno 2018

La governabilità è una cosa seria

Pancho Pardi - Liberacittadinanza
22 maggio 2018

Pancho Pardi: il "contratto " di Governo

Pancho Pardi - Liberacittadinanza
26 giugno 2018

La vittoria della Lega

Pancho Pardi - Liberacittadinanza
29 maggio 2018

Veto del Colle, chi ci guadagna?

Pancho Pardi - Liberacittadinanza
"Mauro Sentimenti - Intervista sull'autonomia differenziata"

LIBERACITTADINANZA
ACIREALE

"Don Ciotti sul Decreto Sicurezza Bis"

Il blog di Stefania Sarsini
I DIRITTI DEGLI ANIMALI

Preghiera degli animali all’uomo