Università, fermiamo la controriforma Gelmini

di Pancho Pardi - 22/11/2010

Domani, martedì 23, tornerà alla Camera la legge Gelmini sull’Università.

Nel quadro delle leggi ad personam si propone come una riforma di sistema. In effetti sistema l’Università a modo suo.

Tagli indiscriminati alle dotazioni finanziarie: povertà per tutti ma soprattutto danno ai centri di ricerca più validi.

Filosofia aziendalistica: dominio del Consiglio di Amministrazione sul Senato Accademico. Primato assoluto dei baroni: solo ordinari nelle commissioni di concorso.

Nessun avvenire per i ricercatori: avviati all’esaurimento.

Invenzione di nuovi ricercatori precari, messi in concorrenza con i precedenti.

Bloccata la riproduzione del corpo docente e inceppato il reclutamento: sostituito solo un professore su cinque. E dunque annichiliti i centri di ricerca.

Chiacchiere sulla valutazione del merito ma nessun fondo per realizzarla.

Risultato finale: vanificato il diritto costituzionale allo studio. Università pubblica più piccola, più povera, con meno professori e meno studenti. Via libera alle università telematiche: crassa ignoranza e ingannevoli lauree a pagamento.

 

Facciamo tutto il possibile per fermare la legge in Parlamento e spiegarne nelle piazze gli effetti distruttivi. Studenti, ricercatori, professori, cittadini, uniamoci davanti alle sedi parlamentari per affermare il diritto alla conoscenza e bloccare la macchina dell’ignoranza.

 

20 giugno 2018

La governabilità è una cosa seria

Pancho Pardi - Liberacittadinanza
22 maggio 2018

Pancho Pardi: il "contratto " di Governo

Pancho Pardi - Liberacittadinanza
26 giugno 2018

La vittoria della Lega

Pancho Pardi - Liberacittadinanza
29 maggio 2018

Veto del Colle, chi ci guadagna?

Pancho Pardi - Liberacittadinanza
"Mauro Sentimenti - Intervista sull'autonomia differenziata"

LIBERACITTADINANZA
ACIREALE

Il blog di Stefania Sarsini
I DIRITTI DEGLI ANIMALI

Preghiera degli animali all’uomo