VENDESI: Montecitorio e Palazzo Madama

di Pancho Pardi - 17/03/2009
Per sveltire i lavori parlamentari, Berlusconi propone che l'attività principale sia concentrata nelle commissioni e che il passaggio in aula sia ridotto alla più rapida formalità

Anzi, per non perdere tempo, il voto in aula potrebbe essere affidato ai soli capigruppo. Una diecina di persone in tutto, il cui voto peserà in proporzione al peso dei rispettivi gruppi.

Brillante rovesciamento della retorica sui "pianisti" che votano al posto degli assenti: l'assenza diventa virtù. Meno il parlamentare sta in aula e meglio è. Se parla intralcia il cammino dei provvedimenti e, accettato che possa non esserci, a quel punto è anche inutile che voti

I componenti dei gruppi parlamentari quindi non sarebbero più titolari di volontà proprie. Sarebbero falange più o meno numerosa di pedine prive di intenzioni e progetti, esecutrice di ordini indiscutibili. I capigruppo non si sa più da chi sarebbero espressi. Nominati dall'alto e da chi? Oppure, votati dai loro colleghi, diventerebbero arbitri indiscussi delle loro volontà. Ciò li metterebbe in una posizione di supremazia difficilmente scalfibile. I capigruppo diventerebbero insomma i rappresentanti degli stessi eletti. E questi a loro volta sarebbero ormai più rappresentati, dai capigruppo, che rappresentanti dei cittadini. Si potrebbe aprire qui una questione di scuola sulla temporaneità del loro mandato.

Se invece fossero nominati dall'alto (e da chi?) sarebbero invece titolari di un pacchetto di voti anonimi e impersonali. La loro efficacia direttamente proporzionale all'entità del pacchetto. Come azionisti la cui rilevanza sta nel numero di azioni sotto il loro controllo.

Che Berlusconi fosse perfetto analfabeta costituzionale si è sempre saputo. Non sta certo a perder tempo con sottigliezze giuridiche. Il suo obbiettivo è trasformare il Parlamento in società per azioni e il governo nel suo consiglio di amministrazione. Con lui stesso nelle vesti di amministratore delegato.

Dunque all'inizio della legislatura si contano i voti, come se fossero azioni, e si verifica chi ha la maggioranza. Una volta stabilito quale sia la coalizione vincitrice, da quel momento in poi il paese assisterebbe ammirato all'enorme mole di lavoro trasmessa dal presidente del consiglio alle commissioni e infine al voto dei capigruppo. Ma a questo punto ci si può chiedere che senso abbia far votare i capigruppo. Una pura messa in scena: perché votare quando si sa già chi ha vinto?

Ultima conseguenza: perché non vendere Montecitorio e Palazzo Madama?

 

20 giugno 2018

La governabilità è una cosa seria

Pancho Pardi - Liberacittadinanza
22 maggio 2018

Pancho Pardi: il "contratto " di Governo

Pancho Pardi - Liberacittadinanza
26 giugno 2018

La vittoria della Lega

Pancho Pardi - Liberacittadinanza
29 maggio 2018

Veto del Colle, chi ci guadagna?

Pancho Pardi - Liberacittadinanza

Il blog di Stefania Sarsini
I DIRITTI DEGLI ANIMALI

Foie gras rimosso da tutti i supermercati italiani
"Il Cile protesta: un video che spiega bene la situazione"
"Mauro Sentimenti - Intervista sull'autonomia differenziata"

LIBERACITTADINANZA
ACIREALE