Per salvare la Costituzione serve un fronte unitario e popolare

di Antonio Ingroia - Il Fatto Quotidiano - 31/07/2013
Lo straordinario successo dell’appello per difendere la costituzione e il diritto dei cittadini a partecipare alla decisione per modificarla, che abbiamo promosso a partire da venerdì scorso su queste colonne, e che in quattro giorni è stato firmato da più di 150.000 italiani, ci dice almeno tre cose.

La prima è che le pratiche inciuciste del governo delle larghe intese, che avrebbero potuto determinare scorata rassegnazione e crescita della disaffezione per la politica, stanno creando invece un effetto eguale e contrario. I cittadini raddoppiano la loro richiesta di partecipazione, e lo chiedono con voce sempre più alta, forte, intransigente.

La seconda è che gli italiani, seppure alle prese con i danni di una crisi che pagano quotidianamente sulla loro pelle in termini di asfissia economica, ingiustizia del sistema, impoverimento dei diritti, macelleria sociale, azzeramento dei servizi, appesantimento delle tasse, e tagli a cultura, istruzione e sanità, sono affezionati alla loro Costituzione. E da partigiani di una Costituzione ispirata invece a principi di solidarietà ed eguaglianza sanno bene che soltanto difendendola si può sperare di cambiare il nostro Paese. Salvare la Costituzione per salvare l’Italia e se stessi.

La terza cosa, quella più politica in senso stretto, è che tutti noi, promotori di questo appello e dei tanti altri che in questi giorni chiamano i cittadini a difendere la Costituzione, abbiamo da oggi una responsabilità in più. Trasformare le tante battaglie ed appelli in una sola voce, in un solo fronte. Un fronte unitario, costituzionale e popolare, che faccia argine con la sua forza e con il suo popolo, che è quello dei referendum per i beni comuni, contro ogni accordo di casta per stravolgere la Costituzione. Su questo colonne ieri Paolo Flores d’Arcais proponeva di organizzare una manifestazione nazionale a settembre, facendo seguito ad analoghe proposte di Sandra Bonsanti a nome di Giustizia e Libertà e di Beppe Giulietti per art.21.

Non credo ci sia chi voglia piantare bandiere e rivendicare primogeniture in questa battaglia. Ognuno ha il diritto e il dovere di farsi cittadino attivo. Che si faccia un tavolo unitario delle tante sigle, associazioni, movimenti, comitati, pronti ad organizzare una grande manifestazione di piazza a settembre quando il dibattito parlamentare entrerà nel vivo e chiamiamo a raccolta i cittadini disubbidienti e partigiani della Costituzione. Un fronte ampio, inclusivo, popolare e costituzionale si può costruire ed abbiamo il dovere di farlo. Insieme. Salviamo la Costituzione per salvare il Paese.

Buffa Costituzione 600

16 marzo 2019
31 marzo 2019
14 marzo 2019

LA SVOLTA ? GLI ABITANTI DELLA TERRA LA VOGLIONO

Associazione mondiale « L’audacia nel nome dell’umanità. L’Agorà degli Abitanti della Terra »

Il blog di Stefania Sarsini
I DIRITTI DEGLI ANIMALI

Preghiera degli animali all’uomo

LIBERACITTADINANZA
ACIREALE

"Massimo Villone - Regionalismo differenziato o secessione occulta?"