Tu sei qui: Portale » Articoli » Non desidero ricevere il libro "Due anni di governo"

Non desidero ricevere il libro "Due anni di governo"

Perché si spendono tutti questi soldi invece di finanziare la scuola pubblica, la ricerca?
Se non siete interessati a ricevere il libro "Due anni di governo", che Berlusconi ha intenzione di mandare a tutte le famiglie, e desiderate che il costo relativo venga utilizzato per scopi più importanti, seguite le seguenti indicazioni:

**Collegatevi al sito:**
http://www.governo.it/scrivia/scrivi_a_trasparenza.asp

 **Compilate il modulo con i vostri dati.**
Nome: Mario
Cognome: Rossi
Indirizzo Email: mario@rossi.it
Città  : Xxxx
Oggetto: Non voglio il libro "Due anni di governo".

Testo (da incollare e copiare):
Con riferimento all'annuncio del Presidente del Consiglio On. Silvio Berlusconi di inviare ad ogni famiglia italiana il libro "Due anni di governo", mi preme comunicarVi che non desidero riceverlo, essendo un mio diritto in base al Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, Codice in materia di protezione dei dati personali, nella fattispecie articolo 7 comma 4b.
Chiedo che la spesa relativa che si risparmierà , venga messa a disposizione del Ministero della Pubblica istruzione e/o del Ministero della Sanità .
Ringraziando per l'attenzione porgo distinti saluti.

(Firma)
**Invia**
ATTENZIONE: Liberacittadinaza al fine di avere una statistica sul numero di persone che rifiutano il libro "Due anni di Governo", chiede il favore a coloro che aderiscono alla campagna "Non desidero ricevere il libro "Due anni di governo"", di inviare una mail anche all'indirizzo info@liberacittadinanza.it mettendo come oggetto "Rifiutato il libro due anni di governo". Chiediamo inoltre, nel caso riceveste ugualmente il libro di rispedirlo al mittente.
 
 
 
Azioni sul documento

Buona idea.

Inviato da palinuro il 24/10/2010 19:09
Giacché l’esperienza insegna che i numeri del “governo” sono raramente attendibili, suggerisco che Liberacittadinanza si faccia carico di indicare un indirizzo email cui inviare copia del messaggio mandato al “governo”, in modo da avere un riscontro sul numero di adesioni alla brillante proposta e tastare il polso all’efficienza del passaparola.

E dovrebbe pure raccomandare, LC, di rinviare al mittente i libercoli che dovessero comunque arrivare. Ché arriveranno lo stesso, arriveranno...

En passant, apprezzo che nel testo che si suggerisce di inviare siano state riprese le antiche denominazioni dei ministeri della Pubblica Istruzione e della Sanità. Suggerirei anche di ritornare a quella del ministero di Grazia e Giustizia.

Buona idea

Inviato da mariaricciardig il 26/10/2010 16:35
Grazie per il suggerimento che seguiremo
Maria Ricciardi