Liberacittadinanza con Landini, Pizzarotti e Flores d'Arcais

di Marsiletti - Parmadaily - 27/10/2012
Dibattito sulla democrazia, Pizzarotti: "Non solo partecipazione ma anche consapevolezza". Landini (Fiom): "La democrazia si ferma ai cancelli delle fabbriche". D'Arcais: "No ai politici mestieranti di professione, sì alla politica bricolage"

Si è tenuto ieri sera presso il Cinema Astra di Parma una conferenza-dibattito dal titolo "Democrazia!", dal titolo dell’ultimo libro di Paolo Flores D’Arcais che della crisi della democrazia in Italia fa un’analisi cruda e disincantata, ma non priva di speranze. All’iniziativa promossa da Liberacittadinanza di Maria Ricciardi e Vincenzo Tradardi hanno partecipato Maurizio Landini, segretario nazionale Fiom, Federico Pizzarotti, sindaco di Parma, Paolo Flores d’Arcais, filosofo, direttore della rivista MicroMega. Tanti i parmigiani presenti in sala.
Flores D’Arcais: “La democrazia è elaborazione collettiva (illuminismo di massa) dopo un confronto favorito da un’informazione non manipolata. La politica è oggi monopolizzata da mestieranti di professione che finiscono con l’allontanarsi progressivamente dalla gente per assomigliarsi sempre più tra loro, fino a diventare Casta. Diciamo no alla politica di professione, sì ad una politica bricolage, ovvero ad una militanza di persone che dedicano parte del loro tempo alla cosa pubblica. La partecipazione dei cittadini richiede sacrificio, rinunce: perché possa essere duratura le persone devono capire che dal loro impegno poi scaturirà qualcosa, che esso porterà effetti, altrimenti dopo poco tempo abbandonano. La partecipazione va quindi istituzionalizzata. Se i cittadini abbandonano lasciano spazio agli altri che poco alla volta gli tolgono libertà, lasciando loro solo quella di organizzare il proprio tempo libero”.
Federico Pizzarotti: “La militanza dentro il M5S sta crescendo perché è forte nelle persone la voglia di politica, altro che di antipolitica! Ma non basta partecipare, bisogna anche informarsi per essere in grado di esprimere una decisione consapevole.
Mi fa sorridere pensare che la nostra Amministrazione è stata criticata per aver organizzato incontri con i cittadini nei quartiere, cioè per aver fatto quello che ha sempre dichiarato che avrebbe fatto e quello che i cittadini si aspettavano da essa.
Presto lanceremo delle votazioni online tramite il sito del Comune alla quali potranno partecipare tutti coloro che forniranno copia del loro documento di identità.
Le risorse a disposizione del Comune sono sempre più scarse. Per l’anno prossimo il Governo ci ha tolto altri 10 milioni di euro. Temo che dovremo interpellare i cittadini non tanto per sapere da loro quale opera vorrebbero, ma quale taglio al Bilancio apportare. I cittadini devono pretendere ma anche dare. Purtroppo c’è una burocrazia sempre più pesante che ostacola il volontariato delle persone. Ad es., è impensabile pensare ad un artigiano volontario che vada a verniciare il cancello di una scuola, perché poi se gli cade un pennello sul piede chissà quali cause vengono intentate contro il Comune!
Dopo le buche sulle strade, le maggiori segnalazioni che mi provengono dai cittadini riguardano la richiesta di l’installazione di nuove panchine. Purtroppo mancano i soldi anche per questo: lanceremo quindi l’iniziativa “Adotta una panchina”… metteremo su di esse i nomi dei privati donatori, come in chiesa”.
Maurizio Landini: “In Italia c’è un’evidente crisi della democrazia, in particolare della rappresentanza, politica ma non solo. Non ho mai registrato tanta sfiducia dei cittadini della politica come in questo periodo: perché le persone si rendono contro che la politica parla di altri temi, è lontana dai loro problemi enormi di tutti i giorni e si rendono conto di essere lasciati soli.
Mai come in questi anni la concentrazione del potere è stata nella mani di pochi, per di più del potere finanziario e delle multinazionali che oggi hanno più peso degli stessi Stati nazionali.
E mai come oggi si era visto un attacco così forte ai diritti dei lavoratori. Fanno le primarie del centrodestra e del centrosinistra, ben vengano, ma che democrazia può esserci se poi essa si ferma ai cancelli delle fabbriche dove i lavoratori sono sottoposti a ricatti e non sono più neanche liberi di scegliersi i propri rappresentanti sindacali? Oggi ai lavoratori viene detto: “Ringrazia che non ti licenzio, che hai un posto”. Il lavoro non è più un “diritto”, è diventato un “favore”.
Oggi c’è una lotta di classe al contrario: chi sta meglio si scaglia contro chi sta peggio, e poi si fa anche le leggi per regolarizzare i soprusi e le deroghe alla Costituzione. Il Governo Berlusconi ha prodotto una legge (ovviamente non revocata dal Governo Monti) con la quale si dà la possibilità di derogare dalle leggi nazionali per i contratti dentro le fabbriche. Ma se si consente la deroga alle leggi vigenti vuol dire che non ci sono più leggi!”.

Di seguito un video della serata di Gianni Marconi: http://www.giannimarconi.com/peccato.html/

 

 

 

 

29 aprile 2013

Costruiamo l'alternativa al governo Berlusconi

Giorgio Cremaschi-www.micromega.net
13 marzo 2014

Quello che non c'è

Francesco Baicchi
30 aprile 2013

La coerenza

Francesco Baicchi

Il blog di Stefania Sarsini
I DIRITTI DEGLI ANIMALI

Divieto d'accesso nei mattatoi

LIBERACITTADINANZA
ACIREALE

"Massimo Villone - Regionalismo differenziato o secessione occulta?"