LA CONFINDUSTRIA ED IL SINDACATO DOPO LA PANDEMIA

di Umberto Franchi - 06/06/2020
Occorre il coraggio delle scelte per una svolta che deve maturare anche culturalmente nei quadri intermedi della CGIL e che deve investire tutto il sindacato, non solo al vertice ma anche i quadri intermedi e quelli periferici

Molti commentatori politici sostengono che , dopo la pandemia , nessuno può permettersi di tornare a quello che c’era prima ... perché nel prima ci sono anche i guasti che sono avvenuti durante la pandemia e quelli di oggi...
Ma è cosi?
Non c’è dubbio che L’impatto della crisi sull’economia viene da lontano e non è creata solo dalle misure per contrastare il contagio del Covid.
Soprattutto in Italia , emerge sempre più con forza, come Il virus sia solo l'avamposto di catastrofi climatiche, sanitarie, economiche, sociali distruttive già più volte annunciate, scritte, documentate e strettamente legate al sistema di “sviluppo” incompatibile con l’ambiente e l’Uomo... un sistema capitalista e liberista , voluto e sostenuto dagli imprenditori e da molti anni, anche da tutti i governi di centrodestra e centrosinistra....
Quindi sicuramente la pandemia distruttiva verificatesi nel nostro Paese , è anche legata al fatto che per oltre 30 anni abbiamo assistito a tagli disastrosi verso la sanità pubblica, con la scelta di trasformare gli ospedali i Aziende, di curare gli acuti senza più fare politiche di prevenzione efficaci nei territori, favorire la sanità privata, nonché dai danni causati all’ambiente.
In Italia siamo anche in presenza di grande e vergognose disuguaglianze con manager pubblici e privati che guadagnano 400.000- 500.000 euro al mese... oltre 400/500 volte quello che percepisce un operaio.

Abbiamo inoltre una imprenditoria che ( come avviene da molti anni) non fa il proprio mestiere: quello di rischiare i propri capitali nel fare investimenti “alti” sull’innovazione tecnologica e di prodotto... sulla ricerca... sulla formazione delle risorse umane... sulla conversione dell’economia in termini di compatibilità con l’ambiente e la natura... ma preferisce la strada più facile e meno rischiosa della finanziarizzazione dei capitali , procedendo celermente attraverso scelte speculative o di accorpamenti tra diversi gruppi... che hanno si aumentato le quote azionarie ed i dividendi ai ricchi soci, ma hanno impoverito il tessuto produttivo del Paese, quello occupazionale, bloccato la produttività, ridotto la spesa di ricerca... senza contare anche la presenza di una grande evasione fiscale di centinaia di miliardi l’anno....

In questo contesto , nei tre mesi di emergenza che ci lasciamo alle spalle, il governo anche se ha commesso errori, avuto limiti, e contraddizioni... ha comunque affrontato in pochi mesi l’emergenza sanitaria, la recessione , l’impatto sociale devastante ed è intervenuto sull’Europa riuscendo a far sospendere il patto di stabilità.....
Se il 19 giugno, il Parlamento Europeo approverà la proposta della Commissione Europea, si aprirà un corpo colossale di intervento dello Stato con finanziamenti pubblici provenienti dall’ Europa, di 172,7 miliardi NEXIT GENERATION , che suscitano molti appetiti tra gli imprenditori, i quali dopo aver già usufruito circa 27 miliardi del decreto “crescita” , continuano a pretendere che anche il grosso dei 172 miliardi di finanziamenti Europei, sia destinato a loro.

In questo quadro, “i padroni del vapore “ non solo chiedono al governo ed allo Stato Italiano di essere uno involucro al loro servizio, ma tornano anche ad agitare le acque nel Mondo del Lavoro, con proposte classiste e distruttive di ogni diritto di chi lavora.
Gli imprenditori con la nomina di Bonomi a presidente della Confindustria , vogliono annullare tutta la parte normativa del CCNL riguardante la gestione degli orari, dei turni di lavoro, degli organici, la contrattazione degli investimenti ... ed utilizzare la manodopera in modo flessibile, precario in funzione dell’aumento delle merci e del plusvalore... .

Vogliono governare in modo unilaterale (o con un sindacato subordinato alle loro scelte) tutta l’organizzazione del lavoro , legando anche i minimi possibili incrementi salariali, alla produzione individuale svolta dai lavoratori nelle aziende ...
ORA NON E’ VERO CHE IN ITALIA LE IMPRESE POSSONO FARE CIO’ CHE VOGLIONO PERCHE’ ESISTE LA LIBERTA’ DI IMPRESA.... no, l’art.41 della Carta Costituzionale , sostiene che l’iniziativa economica privata è libera, ma non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana... e’ la legge che determina programmi e controlli opportuni. La legge naturalmente la deve fare il governo e non le imprese ... ma sono anche le OO.SS, che devono uscire dal letargo e sviluppare il confitto su un proprio progetto di lavoro e di società.
La realtà che scaturisce da tre mesi di blocco vede :

a) la distruzione dello stato sociale (sanità , scuola, pensioni, ) con particolare riferimento dalla distruzione della sanità pubblica avventa nel nostro Paese , che si è manifestata con oltre 34.000 morti tra i colpiti dal coronavirus;
b) una qualità dello sviluppo da modificare perché inquinatore e distruttivo dell’ambiente;
c) oltre 8 milioni di lavoratori messi in cassa integrazione ordinaria, speciale ed in deroga, con una riduzione media dei salari del 25%,
d) vi sono 247.000 occupati in meno nel mese di aprile... ma in prospettiva potrebbero aumentare di gran lunga ;
e) un pesante ’impatto sull’economia informale... quella non regolamentata, precaria e flessibile, temporanea...e quasi tutte queste fasce di lavoratori hanno subito danni ingenti per incapacità di produrre reddito e per essi nessuna sicurezza, nessun futuro, niente cibo;
f) centinai di migliaia di migranti, che avendo perso il lavoro è tornato ai margini non riuscendo nemmeno a ripartire per il proprio Paese di origine ;
g) la riapertura delle attività economiche con la necessità di affrontare la questione della sicurezza anti-contagio, ma che non è semplice delle piccole aziende con i lavoratori senza diritti e ricattati dal possibile licenziamento in caso di rivendicazione del diritto alla salute
Ora, mentre a dare man forte al padronato c’è anche una destra politica che cerca di sfruttare i ritardi ed errori commessi dal governo durante l’emergenza, e soprattutto di appropriarsi della piazza e del disagio sociale ed economico e ceti medi, e quelli poveri subordinati... in un quadro di alleanza politica con la destra economica e finanziaria del grande capitale , come è emerso nella loro marcia del 2 giugno a Roma con la richiesta del condono fiscale agli evasori e della FLAT TAX... manca una sinistra politica e sociale alla sinistra del governo , con un movimento di lotta alternativo e con un sindacato che sappia riempire le piazze e dirigerlo su con una lotta su progetto di radicale cambiamento economico, sociale, culturale e politico .
In una recente intervista al “il manifesto” , il Segretario della CGIL Maurizio Landini, ha detto che :

- le ricette del presidente di Confindustria sono vecchie e corrono il rischio di alimentare il conflitto ... mentre per fare crescere il Paese c’è bisogno di rinnovare i contratti, defiscalizzare gli incrementi salariali, affrontare l’innovazione tecnologica, la rimodulazione degli orari, i nuovi modelli organizzativi per ridurre la precarietà, la formazione continua... Serve un contratto nazionale forte e un contratto aziendale o di sito o filiera;
- che occorre realizzare una riforma degli ammortizzatori sociali universale cioè capace di dare reddito dignitoso a tutte le categorie di lavoratori... ma andrebbe soprattutto dato un lavoro dignitoso non precario e con diritti a tutti i lavoratori;
- che l’obiettivo comune (Sindacato ed imprese) dovrà essere quello di assumere e migliorare contemporaneamente le condizioni di vita e di lavoro dei dipendenti unitamente alla competitività ed innovazione delle imprese ;
- che serve un contrato sociale per affermare l’idea che la ricostruzione del Paese si realizza nel dare dignità ai lavoratori e nell’affrontare le disuguaglianze... per cui il confronto con tutte le parti sociali, va benissimo ma poi deve essere seguito da impegni precisi su cose concrete da fare a cominciare dalla lotta alla precarietà e sulle politiche industriali a partire dalla difesa dell’ambiente;
- che la riforma fiscale è necessaria per ridurre l’evasione, ridurre il contante, rivedere gli scaglioni irpef per favorire i lavoratori ed i pensionati;
- che Il decreto semplificazioni delle opere pubbliche per accelerare la riapertura dei canteri non è accettabile se liberalizza i subappalti, se indebolisce i regolamenti contributivi o la sicurezza sul lavoro
-
Sinceramente nelle posizioni di Landini non vedo la necessaria radicalità e qualità delle richieste rivendicative che andrebbero fatte sia al governo, che ai padroni quali con Bonomi, stanno conducendo una “guerra di classe dall’alto” ... non vedo un “progetto alto” fondato su una “Piattaforma rivendicativa” che dovrebbe servire ad affrontare realtà del nostro Paese. .
A mio parere sarebbe necessario pretendere dal governo almeno quattro cose :

a) pretendere che risorse siano indirizzate per riprogrammare e ricostruire tutta la sanità pubblica a livello di presenza nei territori, di siti ospedalieri riaprendo anche quelli chiusi, di personale sanitario specializzato ed infermieristico, di attrezzature, di ricerca ;
b) Pretendere programmi di intervento per ricostruire una scuola ed una ricerca efficiente in grado di fronteggiare la nuova realtà anche attraverso di nuovi siti scolastici e personale adeguato anche e soprattutto a fronteggiare i bisogni dei ceti studenti più deboli, portatori di handicap ;
c) Pretendere che le risorse siano soprattutto in funzione di risanare i territori, bonificare e convertire le fabbriche in senso ecologico, a partire da quelle che producono armi, per fare nascere una economica compatibile con l’ambiente, ridurre gli orari di lavoro a parità di salario per salvare l’occupazione con lo Stato che deve riacquisire un ruolo di intervento già previsto dalla nostra Costituzione;
d) pretendere un intervento legislativo che cancelli le leggi sul precariato come la legge n. 30 (Biagi) ed il JOBS ACT (Renzi), un salario minimo di riferimento dignitoso per tutti i lavoratori, un incremento sostanziale delle pensioni medie e basse, ed un intervento legislativo che riduca l’orario di lavoro a parità di salario.
Ma se è vero che Bonomi rappresenta il vecchio e le sue posizioni svelano la cruda verità di non essere al servizio del Paese e delle persone, ma al contrario, cerca un governo al proprio servizio e si serve delle persone utilizzandole come strumenti al servizio dell’ingranaggio economico/speculativo... c’è bisogno di iniziare a costruire un grande movimento di lotta anche nelle fabbriche, non solo per respingere l’attacco della Confindustria ... ma per sviluppare rivendicazioni in merito al come si lavora e produce, con quanti organici e quali orari si lavora , per cosa si lavora... quale finalità deve avere il lavoro...

Quindi, anche se è difficile, il sindacato deve provare ad uscire dalla difensiva... esistono ancora fabbriche strutturate dove le RSU ed RLS sono forti... dove abbiamo i rapporti di forza necessari per cambiare... serve solo la volontà sindacale che dia precise indicazioni... ed il cambiamento è possibile .
MA TUTTO QUESTO OBBLIGA il sindacato dei lavoratori a cercare di stabilire e di “governare” le scelte legate “alla ricostruzione” con il fine di una svolta in termini di conversione ecologica dell’economia , di organizzazione del lavoro e riduzione degli orari a parità di salario, di tutele e diritti di chi lavora, di profondo revisione e riforma dello Stato sociale (Sanità, Pensioni, Scuola).

Occorre il coraggio delle scelte per una svolta che deve maturare anche culturalmente nei quadri intermedi della CGIL e che deve investire tutto il sindacato, non solo al vertice ma anche i quadri intermedi e quelli periferici ... abituati da troppo tempo a gestire senza conflitto ed in termini assistenziali le scelte fatte dal padronato e dal governo.


Umberto Franchi

Questo articolo parla di:

4 luglio 2020

Emergenza, appalti, soldi

Franco Astengo
27 giugno 2020
archiviato sotto: ,

Il blog di Stefania Sarsini
I DIRITTI DEGLI ANIMALI

Sai qual è il terribile ciclo di vita delle scrofe da riproduzione?
"ABBIAMO PIÙ’ SENATORI DEGLI USA?"

LIBERACITTADINANZA
ACIREALE