GRANDE MANIFESTAZIONE ANTIFASCISTA A ROMA ED ORA COSA FARE ?

di Umberto Franchi - 17/10/2021
NEL SILENZIO SI ANNIDDIA DISPREZZO, DELUSIONE , RABBIA, CHE POTREBBE ESPLODERE DAL BASSO... IN MODO GIUSTO E TRAUMATICO ."INSORGIAMO "
- 200.000 persone che manifestano a Roma contro il vigliacco attacco alla CGIL, ai lavoratori, alla Costituzione ed alla Democrazia , sono una boccata di "Ossigino " importante ma non basta a cambiare la realtà sociale, del lavoro, civile, culturale che e" fatta da:
1) oltre 5 milioni di poveri assoluti e 12 milioni di poveri relativi, con la Caritas che nell'ultimo anno ha visto quasi il doppio (oltre 2 milioni) le persone che si sono rivolte a lei per chiedere aiuto;
2) su 17,8 milioni di pensionati , ben 10,8 milioni di essi hanno una pensione inferiore a 750 euro mensili... e con le pensioni che in termini assoluti, in base al reale costo della vita , negli ultimi 15 anni si sono ridotte del 25%;
3) con i salari dei lavoratori Italiani che degli ultimi 30 anni sono diminuiti progressivamente e dal Paese che negli anni 70 aveva gli stipendi più alti d'Europa ai salari più bassi d'Europa;
4) Con la metà dei Lavoratori occupati che sono precari e soggetti ad ogni tipo di vessazione , compreso l'obbligo di lavorare 10/12 ORE al giorno per meno di 5 euro l' ora altrimenti vengono licenziati ;
5) con i lavoratori dipendenti che pagano tutte le tasse imposte dallo stato (circa il 32% dello stipendio) mentre gli altri (quasi tutti ) evadono il fisco;
6) Con le tariffe, le bollette, i prezzi di tutti i prodotti a partire dalla benzina, aumentano in modo speculativo vergognoso ;
7) con gli operai che non rifiutano il lavoro a rischio per paura di essere licenziati e per questo motivo, che 3/4 di loro , ogni giorno vengono uccisi sul lavoro ;
8)) con il mercato del lavoro più ' precario , flessibile e frantumato d'Europa e i lavoratori soggetti ad a ogni tipo di ricatto
9))con le aziende multinazionali che chiudono gli stabilimenti, licenziano migliaia di lavoratori e delocalizzano in altri Paese a fini puramente speculativi;
10) in Italia il 10% dei suoi abitanti detiene il 55% di tutta la ricchezza esistente, si rifiutano di pagare una patrimoniale, mentre ci sono un 20% di abitanti che si devono accontentare dello 0,7% della ricchezza esistente.
- in questo contesto il governo Draghi ha concesso il 70% delle risorse europee (209 miliaridi del Recovery plan) alle imprese , le quali non hanno aumentato solo il PIL ma soprattutto i propri profitti incrementando ulteriormente le disuguaglianze .
- ora ho ascoltato Landini dire che la piazza di ieri, non e' una piazza pacifica... questo significa che dopo la grande manifestazione , la CGIL e gli altri sindacati confederali dovrebbero definire subito una precisa piattaforma rivendicativa... sottoporlo al giudizio vincolante dei lavoratori facendo assemblee in ogni luogo di lavoro... e sviluppare immediatamente un conflitto sociale al fine di ottenere risultati soddisfacenti in grado di rispondere positivamente ai problemi che ho elencato..
MA SARA ' COSÌ ? O INVECE I SINDACATI COMPRESA LA CGIL BALBETTERA' QUALCHE RIVENDICAZIONE DEL TUTTO IRRISORIA CONTINUANDO "NELLA PACE SOCIALE "?
DUBITO FORTEMENTE CHE ASSISTEREMO AD UNA SVOLTA... MA NON E VERO CHE IL SILENZIO SIGNIFICA SODDISFAZIONE O RASSEGNAZIONE... NEL SILENZIO SI ANNIDDIA DISPREZZO, DELUSIONE , RABBIA, CHE POTREBBE ESPLODERE DAL BASSO... IN MODO GIUSTO E TRAUMATICO ."INSORGIAMO "

Umberto Franchi

Questo articolo parla di:

14 ottobre 2021

Oltre la soglia pandemica

Franco Berardi Bifo
17 ottobre 2021

Alle radici della fragilità

Alessandra Algostino
archiviato sotto: