Comunicato stampa di chiusura della Caravana Canarias 2021 Ni cárcel, ni tumba/Né carcere, né tomba

di societàdellacura - 03/08/2021
Loro vengono con la morte, noi rispondiamo con la vita

La Caravana Abriendo Fronteras conclude la sua sesta edizione alle Isole Canarie dove più di 350 attivisti si sono riuniti per denunciare le violazioni dei diritti umani subite dai migranti.

"Isole Canarie, né prigione né tomba".

L'anno 2020 sarà ricordato nei libri di storia come quello in cui una pandemia globale ha forzato il cambiamento nei nostri costumi e modi di vita. Tuttavia, mentre le frontiere erano chiuse per prevenire la diffusione del virus COVID-19, 23.000 persone provenienti da diversi paesi africani hanno percorso una delle rotte migratorie più pericolose del pianeta, molti di loro hanno perso la vita nel tentativo, ma il 2020 non sarà ricordato per questo.

Le persone che hanno deciso di attraversare in un piccolo cayuco (barca) gli oltre 1.000 km di Oceano Atlantico che separano le coste africane dalle Isole Canarie non stavano solo fuggendo dal grave impatto che la pandemia sanitaria ha avuto sulle già precarie condizioni politiche, sociali ed economiche dei loro paesi, stavano anche fuggendo da altre pandemie: l'impoverimento associato ai processi di globalizzazione, l'estrattivismo che spoglia le loro comunità delle loro risorse e modi di vita, la violenza maschile e i conflitti armati di cui i governi europei hanno una responsabilità storica.

La riattivazione della micidiale rotta delle Canarie, la militarizzazione delle isole come zona di frontiera e le condizioni di detenzione, sovraffollamento e blocco vissute dai migranti che arrivano nell'arcipelago spinti dal desiderio di costruire una vita più dignitosa, sono alcune delle ragioni che hanno portato alla celebrazione della Caravana Abriendo Fronteras 2021 alle Canarie. Dopo le denunce che questa rete di organizzazioni per i diritti umani porta avanti dal 2016 nelle zone di frontiera di Grecia, Italia, Ceuta e Melilla, la carovana è arrivata sull'isola di Gran Canaria il 17 luglio, qui più di 350 attivisti provenienti da varie parti della Spagna e da paesi come Italia, Tunisia, Messico e Honduras, hanno iniziato il primo di 8 giorni volti a chiedere che le isole Canarie cessino di essere "una tomba e una prigione per i migranti".

"Nessun essere umano è illegale".

La Caravana Abriendo Fronteras 2021 ha concentrato gran parte delle sue denunce sulle politiche migratorie coperte dal nuovo Patto europeo sulla migrazione e l'asilo che legittimano la violazione dei diritti umani, il razzismo istituzionale e la violenza della polizia. Allo stesso modo, le azioni che sono state condotte hanno indicato altri agenti come i media, che da una logica di parte hanno promosso la storia della "valanga migratoria", alimentando il razzismo in un momento di particolare vulnerabilità per le isole Canarie.

I membri della Carovana, tra cui 14 persone provenienti da diverse province di Castilla y León, hanno realizzato diverse manifestazioni, azioni e incontri di riflessione per denunciare anche l'attenzione delle politiche migratorie sul ritorno, le deportazioni, l'esternalizzazione delle frontiere e la firma di accordi di riammissione da parte di paesi terzi come strumenti fondamentali di controllo delle frontiere che vengono privilegiati rispetto ai diritti umani e all'accoglienza dignitosa.

Il viaggio della Carovana nei punti più caldi dell'immigrazione nelle isole, come i campi di contenimento, i Centri di Detenzione per Immigrati (CIE)(CPR) o le istituzioni decisionali come l'Agenzia delle Frontiere e della Guardia Costiera (FRONTEX), ha lasciato un grido chiaro e conciso su cui dovrebbero basarsi tutte le politiche migratorie: "Nessun essere umano è illegale".

"Quello che sta succedendo qui non è una mancanza di risorse, è una mancanza di amore".

Durante le giornate della Carovana, i partecipanti hanno potuto ascoltare le storie di coloro che sono stati costretti a migrare dai loro luoghi di origine. La durezza della vita di coloro che hanno deciso di rischiare tutto dà senso alla carovana; vedere in prima persona la situazione precaria dei campi dove sono state alloggiate le persone arrivate sulle isole nell'ultimo anno ha alimentato la voglia di lottare di chi è consapevole del privilegio che porta con sé per il semplice fatto di essere nato in un luogo geografico diverso.

Alle grida nelle manifestazioni, ai canti di denuncia, agli striscioni con slogan si aggiungono i pensieri di ogni persona, di coloro che vengono a mettere i loro corpi e a chiedere giustizia perché, come dice uno dei migranti alla Carovana: "quello che succede qui non è una mancanza di risorse, è una mancanza di amore".

Tuttavia, con il passare dei giorni e l'arrivo della Carovana sull'isola di Tenerife, si ricordano anche gli atti di solidarietà, quelli dei vari collettivi canari che da mesi sostengono i migranti, quelli delle persone che hanno deciso di aprire loro le loro case e soprattutto quelli di altri migranti che, conoscendo l'esperienza, accolgono i loro compagni migranti proprio come altri fecero per loro anni fa.

"Il confine uccide due volte: quando cancella le vite dei migranti e quando cancella la loro storia".

Su un lenzuolo bianco, ogni giorno apparivano nuovi nomi ricamati con il filo rosso di coloro che hanno perso la vita cercando di attraversare le frontiere. Su questo "foglio della memoria", iniziato dall'artista italiana Daniela Gioda, si potevano leggere i nomi di Francisco, Eva o Miguel Ángel ricamati accanto a quelli di altri 69 migranti assassinati nella città messicana di Tamaulipas. Ma non sono state le uniche; in tutta la carovana, diverse donne hanno prestato le loro mani per ricamare nuovi nomi, come quello di Moussa Balde, un giovane guineano di soli 23 anni che si è tolto la vita quando è stato rinchiuso nel Centro permanente di rimpatrio di Torino, o quello dei figli di Jalila, Hedi e Mahdi, che hanno perso la vita quando sono naufragati nel Mar Mediterraneo, o quella dell'honduregno Mauricio, assassinato durante il suo viaggio negli Stati Uniti e fratello di Don Lolo, in viaggio con noi,la cui perdita lo ha reso un instancabile difensore dei diritti umani.

Mantenere viva la memoria delle persone che hanno perso la vita durante il processo di migrazione è stata un'altra delle richieste della Caravana 2021. Identificare le vittime, dare loro una degna sepoltura o rimpatriare i loro corpi, conoscere i loro nomi e la storia che li ha spinti a migrare, sono alcune delle azioni che la Caravana Abriendo Fronteras esige per chiedere giustizia per coloro che non sono più qui.

In assenza di risposte istituzionali in questo senso, sono le persone che danno dignità alla morte di coloro a cui è stata tolta la vita sulle rotte migratorie, come la donna canaria che ogni settimana porta fiori eterni alla tomba dei 15 migranti sepolti nel cimitero di Agüimes senza nemmeno essere identificata, perché, come dice un cartello lasciato dalla Carovana alle porte del cimitero: "Non sappiamo i vostri nomi, ma vi portiamo nella nostra memoria".

"L'umanità o si salva o si perde".

La carovana si è conclusa lo scorso sabato 25 luglio facendo un bilancio dei suoi successi e dei suoi fallimenti prima che gli attivisti lasciassero le isole per tornare ai loro luoghi d'origine. Mentre godiamo del privilegio di poter attraversare le frontiere in aereo, riflettiamo su ciò che abbiamo vissuto, probabilmente c'è margine di miglioramento, ma se c'è una cosa che ci è chiara è che la Caravana Abriendo Fronteras è necessaria, perché è uno spazio per denunciare, per condividere esperienze, per coordinare il nostro grido le nostre pratiche, per rivedere i nostri privilegi, per vedere che ovunque ci sono persone che in modi diversi si organizzano per ottenere "tutti i diritti per tutte le persone". La carovana è, insomma, uno spazio in cui ricordare qualcosa di fondamentale come la nostra umanità. Questa dovrebbe renderci tutti uguali, perché l'umanità o si salva tutta o si perde tutta.

https://www.facebook.com/carovanemigranti/photos/a.512482528895415/2351054488371534

https://abriendofronteras.net/2021/07/28/cierre-canarias/?fbclid=IwAR20GthMy7hML95pR-6-X-NFeibqgjWJ_QHkyJ5CV0hOSo66j-TgFqyReEo

https://abriendofronteras.net/2021/07/22/tenerife2/?fbclid=IwAR0V09wzrgFgnAhEX6A6f09ITcBf2KSCMKtiP3RHE9K3FtYQlaJ3VfIqcMU

Con i portuali di Genova: https://www.facebook.com/lguerraempiezaaqui/videos/654679695934702

Azione NoFrontex: https://www.eldiario.es/canariasahora/migraciones/caravana-abriendo-fronteras-vierte-150-kilos-estiercol-oficinas-frontex-palmas-gran-canaria-exige-cierre_1_8150937.amp.html?fbclid=IwAR1NJKdzB3Hfqd3BFCKvj_6lJh05VWvC6v8qE0r8iDX2KwoXXRl7zhLt7F4

https://www.facebook.com/Caravana.AF/posts/3006385626259554

https://www.facebook.com/AsambleaDeApoyoMigrantesTenerife/posts/225499002911605

5 agosto 2021
17 settembre 2021
1 ottobre 2021

Le tribù di Israele

Domenico Gallo
31 agosto 2021