Ucciderli da piccoli

di Valerio Evangelisti - Il Manifesto - 10/07/2009
Mi viene un dubbio. Il governo italiano attuale non sarà fascista? Ma no, mi si risponderà: ha a capo un allegro libertino, che vara una legge garantista (per lui) dopo l'altra, e per presidente della Repubblica un anziano stalinista. Ma il dubbio rimane.

Il metodo lo potremmo definire "ucciderli da piccoli". Consiste nell'individuare gruppi di individui potenzialmente pericolosi, in quanto notoriamente ostili al sistema o a certi suoi aspetti, e incarcerarli o comunque angariarli in via preventiva, subissandoli di capi d'imputazione. Ciò in nome di lievi reati del passato prossimo o remoto, ingigantiti a livello di crimini colossali, oppure di fatti non ancora commessi ma che potrebbero commettere in futuro. 

È questa la linea adottata dal governo, con la connivenza di settori della magistratura (nessuno si illuda che tutti i magistrati siano dei Falcone / Borsellino: basti vedere certe cene sospette di loro illustri esponenti) e delle forze dell'ordine. Ne sono dimostrazione i 21 arresti di studenti dell'Onda di due giorni fa, e le perquisizioni in tutta Italia. La motivazione ufficiale sono state le scaramucce (definirli «scontri» è esagerato) del 19 maggio scorso a Torino, contro la conferenza dei rettori d'Europa, chiamata a convalidare la totale privatizzazione dell'istruzione universitaria. Il movente vero è però stato enunciato a tutte lettere: gli arrestati «avrebbero potuto» contestare l'imminente riunione del G8. 

Non è l'unico caso di lotta preventiva alle intenzioni. Il 10 giugno sono stati arrestati alcuni militanti comunisti, sulla base di niente, perché «avrebbero potuto» tentare di ricostituire le Brigate Rosse e turbare il G8. Peggio ancora l'esito del processo milanese seguito all' Operazione Tramonto, contro militanti del Cpo Gramigna di Padova e del sindacalismo di base. Nel corso del dibattimento tutte le prove sostanziali sono miseramente cadute. Però anche questi sovversivi poco pentiti «avrebbero potuto» ricostituire le Br. Ne sono seguite condanne dai quindici anni in giù.

Poi c'è stata la retata, anch'essa «preventiva», alla festa di Radio Sherwood. Sessanta persone arrestate, a prevenire loro ipotetici crimini. Non so perché, un ricordo mi torna alla mente. Mio nonno e i suoi due fratelli, imolesi, erano socialisti notori. Ogni volta che Mussolini passava per Bologna erano arrestati. Il motivo? «Avrebbero potuto» attentare al Duce. Va detto che i tempi erano migliori, e la detenzione durava alcuni giorni, non quindici anni. Mi viene un dubbio. Il governo italiano attuale non sarà fascista? Ma no, mi si risponderà: ha a capo un allegro libertino, che vara una legge garantista (per lui) dopo l'altra, e per presidente della Repubblica un anziano stalinista. Ma il dubbio rimane.

Questo articolo parla di:

14 maggio 2019
2 maggio 2019
25 marzo 2019

Verso le elezioni europee

Coordinamento democrazia costituzionale
14 maggio 2019

Appello al voto

Liberacittadinanza
archiviato sotto:

Il blog di Stefania Sarsini
I DIRITTI DEGLI ANIMALI

Divieto d'accesso nei mattatoi

LIBERACITTADINANZA
ACIREALE

"Massimo Villone - Regionalismo differenziato o secessione occulta?"