Solidarietà a Domenico Lucano, ex Sindaco di Riace

di Associazione “ARCI-Biblioteca di Sarajevo” - 30/12/2019
PETIZIONE per dare piena solidarietà e vicinanza a Mimmo Lucano per l’ennesimo avviso di garanzia ricevuto

L’Associazione “ARCI-Biblioteca di Sarajevo” attiva a Maglie (LE) dal 2001, pur avendo il massimo rispetto per il lavoro della Magistratura, esprime piena solidarietà e vicinanza a Mimmo Lucano per l’ennesimo avviso di garanzia ricevuto stavolta per il rilascio di documenti d'identità a immigrati ospiti nei centri di accoglienza durante il suo mandato di Sindaco di Riace, per il quale è stato preso d’esempio a livello internazionale. 

"Mi viene contestato un reato che avrei commesso nel settembre 2016 - spiega Lucano - per aver fatto due carte di identità a una donna eritrea e a suo figlio di pochi mesi, che erano inseriti in un progetto di accoglienza al Cas a Riace. La prefettura ci aveva chiesto l'inserimento per la madre e il bambino e noi avevamo detto di sì perché c'era la disponibilità. In seguito, fu fatta l'iscrizione al registro anagrafico e poi fu richiesta la carta d'identità perché il bambino aveva necessità di vedersi assegnato un pediatra."

Si ha quasi l’impressione di essere di fronte ad un accanimento per mettere in discussione non l’espletamento dei doveri di un Amministratore locale bensì il modello di integrazione al quale da molte parti si è guardato in modo estremamente positivo. 

La nostra Associazione, con una sua delegazione, nel mese scorso ha voluto incontrare di persona Mimmo proprio a Riace per constatare direttamente cosa rimane di quell’esperienza e quanto sia possibile riprenderla. In quell’occasione abbiamo potuto toccare con mano come sia opportuno integrare interessi ed esigenze di persone residenti e persone migranti mediante un modello che invece di essere perseguito dovrebbe essere esportato e riprodotto. 

Richiediamo una maggiore riflessione ed un maggiore impegno per spingere la politica nazionale ed internazionale verso scelte più giuste ed umane tenendosi lontano da rigurgiti xenofobi e neofascisti. 

L’accoglienza delle genti migranti deve essere necessariamente accompagnata da un nuovo concetto di integrazione: la lotta per integrare i diritti delle persone ad ogni latitudine dovrebbe rappresentare la possibilità di dare ad ogni abitante del nostro pianeta pari opportunità di sviluppo sociale e culturale. 

Riace non si chiude! 

Maglie (LE), 29 dicembre 2019

ARCI-Biblioteca di Sarajevo - Via Oronzo De Donno, 15 Maglie (LE) - 334 6397623 - info@bibliotecadisarajevo.it www.bibliotecadisarajevo.it

PER FIRMARE LA PETIZIONE ECCO IL LINK: chng.it/QftrTRxgBP

Questo articolo parla di:

archiviato sotto:

Il blog di Stefania Sarsini
I DIRITTI DEGLI ANIMALI

Le origini del virus e lo sfruttamento degli animali
"Nell’Europa del virus arrivano i bombardieri Usa da attacco nucleare"
"ABBIAMO PIÙ’ SENATORI DEGLI USA?"

LIBERACITTADINANZA
ACIREALE