AGRICOLTURA CAPITALISTA E COVID-19: UNA COMBINAZIONE MORTALE

di climateandcapitalism - climateandcapitalism.com - 20/03/2020
Un interessante articolo pubblicato su Climate & Capitalism sugli stretti legami tra i nuovi virus, la produzione di alimenti industriali e la redditività delle multinazionali

Il nuovo coronavirus sta mantenendo il mondo in stato di shock. Ma invece di combattere le cause strutturali della pandemia, il governo si sta concentrando su misure di emergenza.

Yaak Pabst per la rivista socialista tedesca Marx21 ha parlato con il biologo evoluzionista Rob Wallace, autore dell’articolo Big Farms Make Big Flu (Monthly Review Press, 2016) sui pericoli di Covid-19, la responsabilità dell’agroindustria e soluzioni sostenibili per combattere le malattie infettive. Marx21 ha rilasciato l’intervista in anticipo rispetto alla data di pubblicazione prevista per il 30 marzo.

Marx21: Quanto è pericoloso il nuovo coronavirus?

Rob Wallace: dipende da dove ti trovi nel momento in cui si innesca il focolaio di Covid-19: nella fase iniziale? Nel momento del picco? più tardi? Quanto è efficiente la risposta del servizio sanitario della tua regione? Quali sono i dati demografici della tua zona? Quanti anni hai? Sei immunologicamente compromesso? Qual è la tua salute di base? Per intenderci su una possibilità non diagnosticabile, la tua immunogenetica, la genetica alla base della tua risposta immunitaria, si allinea con il virus o no?

(M) Quindi tutte queste storie sul virus sono solo tattiche spaventose?

(RW) No, certamente no. A livello di popolazione, Covid-19 stava registrando un tasso di mortalità tra il 2 e il 4% (o CFR Case Fatality Ratio ndt.) all’inizio dell’epidemia a Wuhan. Al di fuori di Wuhan, il CFR sembra ridursi a poco più del 1% e anche meno, ma sembra anche aumentare in alcuni punti qua e là, anche in luoghi in Italia e negli Stati Uniti. La sua gamma non sembra molto rispetto a, diciamo, SARS al 10%, influenza del 1918 al 5-20%, “influenza aviaria” H5N1 al 60%, o in alcuni punti Ebola al 90%. Ma supera certamente lo 0,1% CFR dell’influenza stagionale. Tuttavia Il pericolo non è solo una questione di tasso di mortalità. Dobbiamo confrontarci con quello che viene definito “penetranza” o tasso di attacco della comunità: quanta parte della popolazione globale è penetrata dallo scoppio (del contagio ndt).

Può essere più preciso?

La rete globale di viaggi, ha una connettività da record. Senza vaccini o antivirali specifici per i coronavirus, né quindi l’immunità al virus, anche un ceppo con solo l’1% di mortalità può presentare un notevole pericolo. Con un periodo di incubazione fino a due settimane e una crescente evidenza di alcune trasmissioni prima della malattia (conclamata ndt), cioè prima di sapere che le persone sono infette, pochi posti sarebbero probabilmente privi di infezione. Se, diciamo, Covid-19 registra una mortalità dell’1% nel corso dell’infezione di quattro miliardi di persone, ciò può significare 40 milioni di morti. Una piccola parte di un numero elevato può comunque essere un numero elevato.

Questi sono numeri spaventosi per un patogeno apparentemente poco virulento …

Sicuramente e siamo solo all’inizio dell’epidemia. È importante capire che molte nuove infezioni cambiano nel corso delle epidemie. L’infettività, la virulenza o entrambe si possono attenuare. D’altra parte, altri focolai possono aumentare di virulenza. La prima ondata della pandemia di influenza nella primavera del 1918 fu un’infezione relativamente lieve. Fu la seconda e la terza ondata, in quello stesso inverno e nel 1919 che uccisero milioni (di persone ndt).

Ma gli scettici pandemici sostengono che molti meno pazienti sono stati infettati e uccisi dal coronavirus che dall’influenza stagionale tipica. Cosa ne pensa di questo?

Sarei il primo a festeggiare se questa epidemia si rivelasse un vero disastro. Ma questi sforzi per respingere Covid-19 come un possibile pericolo citando altre malattie mortali, in particolare l’influenza, è un artificio retorico mal congegnato per suscitare preoccupazione per il coronavirus.

Quindi il confronto con l’influenza stagionale sta zoppicando …

Ha poco senso confrontare due agenti patogeni su parti diverse delle loro epicurve. Sì, l’influenza stagionale infetta milioni di persone in tutto il mondo, uccidendo, secondo le stime dell’OMS, fino a 650.000 persone all’anno. Covid-19, tuttavia, sta solo iniziando il suo viaggio epidemiologico. E a differenza dell’influenza, non abbiamo né il vaccino né l’immunità di gregge per rallentare l’infezione e proteggere le popolazioni più vulnerabili.

Anche se il confronto è fuorviante, entrambe le malattie appartengono ai virus, anche a un gruppo specifico, i virus dell’RNA. Entrambi possono causare malattie. Entrambi colpiscono l’area della bocca e della gola e talvolta anche i polmoni. Entrambi sono abbastanza contagiosi.

Quelle sono somiglianze superficiali che mancano di una parte cruciale nel confronto tra due agenti patogeni. Sappiamo molto della dinamica dell’influenza. Sappiamo molto poco di Covid-19. Sono intrisi di incognite. In effetti, c’è molto sul Covid-19 che è persino inconoscibile fino a quando l’epidemia non si sarò esaurita completamente. Allo stesso tempo, è importante capire che non si tratta di Covid-19 contro l’influenza. È Covid-19 “e” influenza. L’emergere di infezioni multiple, cioè in grado di andare in pandemia e attaccare le popolazioni in modo combinato, dovrebbe essere la preoccupazione principale e centrale.

Lei ha studiato epidemie e le loro cause per diversi anni. Nel suo libro Big Farms Make Big Flu, lei cerca di tracciare queste connessioni tra pratiche di agricoltura industriale, agricoltura biologica ed epidemiologia virale. Quali sono le tue intuizioni?

Il vero pericolo di ogni nuovo focolaio è il fallimento, o meglio, l’utile rifiuto di comprendere che ogni nuovo Covid-19 non è un incidente isolato. L’aumentata presenza di virus è strettamente legata alla produzione alimentare e alla redditività delle multinazionali. Chiunque abbia l’obiettivo di capire perché i virus stanno diventando più pericolosi deve studiare il modello industriale dell’agricoltura e, più specificamente, della zootecnia. Al momento, pochi governi e pochi scienziati sono pronti a farlo. Al contrario. Quando sorgono i nuovi focolai, i governi, i media e persino la maggior parte dell’establishment medico, sono così concentrati su ciascuna emergenza separatamente da respingerne le cause strutturali, le quali a loro volta stanno spingendo molteplici patogeni marginalizzati a divenire improvvisamente delle celebrità globali, una dopo l’altra.

Di chi è la colpa?

Ho parlato dell’agricoltura industriale, ma esiste un campo di applicazione più ampio. Il capitale sta portando avanti l’accaparramento di terre fina all’ultima foresta e terreni agricoli di piccole dimensioni in tutto il mondo. Questi investimenti guidano la deforestazione e il tipo di “sviluppo” che portano alla comparsa di malattie. La diversità funzionale e la complessità rappresentate da questi enormi aree sono state semplificate in modo tale che agenti patogeni precedentemente “incapsulati” (nella biodiversità ndt) si riversino nel bestiame locale e nelle comunità umane. In breve, i centri del capitale (global cities [1] ndt), luoghi come Londra, New York e Hong Kong, dovrebbero essere considerati i nostri principali punti di infezione.

Di quali malattie si tratta quindi?

Non ci sono agenti patogeni senza capitale a questo punto. Anche se distalmente, i più remoti sono comunque interessati. Ebola, Zika, i coronavirus, di nuovo la febbre gialla, una varietà di influenze aviarie e la peste suina africana, sono tra i molti patogeni che si fanno strada dagli entroterra più remoti in circuiti peri-urbani, capitali regionali e, infine, nelle reti di spostamento globale. Dai pipistrelli della frutta in Congo all’uccisione dei bagnanti di Miami in poche settimane.

Qual è il ruolo delle società multinazionali in questo processo?

Il Pianeta Terra è, a questo punto in gran parte un Planet Farm (pianeta fattoria ndt), sia in biomassa che in terra utilizzata. L’industria agroalimentare punta a monopolizzare il mercato alimentare. La quasi totalità del progetto neoliberista è organizzata attorno al sostegno degli sforzi delle aziende con sede nei paesi industrializzati più avanzati per rubare la terra e le risorse dei paesi più deboli (Land grabbing process ndt). Di conseguenza, molti di quei nuovi agenti patogeni precedentemente controllati da ecologie forestali a lunga evoluzione vengono liberati, minacciando tutto il mondo.

Quali effetti hanno i metodi di produzione delle aziende agroalimentari su tutto questo?

L’agricoltura guidata dal capitale, la quale rimpiazza più ecologie naturali, offre i mezzi migliori con i quali i patogeni possono evolvere in fenotipi più virulenti e infettivi. Non è stato progettato un sistema migliore per allevare malattie mortali.

Come mai?

La coltivazione di monocolture genetiche e di animali domestici selezionati e monospecie, rimuove qualsiasi resistenza immunitaria possa essere disponibile per rallentare la trasmissione. Le dimensioni e le densità di popolazione più grandi facilitano maggiori velocità di trasmissione. Tali condizioni affollate deprimono la risposta immunitaria. L’alto rendimento, un concetto di produzione industriale, offre una fornitura continuamente rinnovata di buone occasioni, il carburante per l’evoluzione della virulenza. In altre parole, l’industria agroalimentare è così focalizzata sui profitti che la selezione di un virus che potrebbe uccidere un miliardo di persone viene trattata come un rischio calcolato.

Che cosa!?

Queste aziende possono esternalizzare i costi delle loro operazioni epidemiologicamente pericolose su chiunque altro. Dagli animali stessi ai consumatori, ai contadini, agli ecosistemi locali e ai governi di tutte le giurisdizioni. I danni sono così estesi che se dovessimo restituire tali costi sui bilanci aziendali, l’agricoltura così come la conosciamo sarebbe finita per sempre. Nessuna azienda potrebbe sostenere i costi del danno che essa stessa impone.

In molti media si afferma che il punto di partenza del coronavirus era un “mercato alimentare esotico” a Wuhan. Questa descrizione è vera?

Sì e no. Ci sono indizi spaziali a favore dell’idea. La ricerca di tracce di infezioni risultano collegate al mercato all’ingrosso dei frutti di mare di Hunan a Wuhan, dove sono stati venduti animali selvatici. Il campionamento ambientale sembra suggerire come fonte probabile la parte occidentale del mercato in cui si trovavano gli animali selvatici. Ma quanto lontano e quanto ampiamente dovremmo indagare? Quando è iniziata davvero l’emergenza?

L’attenzione riservato al mercato ha distolto l’attenzione dall’agricoltura selvaggia nell’entroterra e alla sua crescente capitalizzazione. A livello globale e in Cina, il cibo selvaticosi sta formalizzando come settore economico. Ma il suo rapporto con l’agricoltura industriale va oltre la semplice condivisione degli stessi magnati. Man mano che la produzione industriale – maiale, pollame e simili – si espande nella foresta primaria, questa esercita pressioni sugli operatori di alimenti selvatici per allargarsi ulteriormente nella foresta, aumentando i contatti e la diffusione di nuovi agenti patogeni, tra cui Covid-19.

Covid-19 non è il primo virus a svilupparsi in Cina che il governo ha cercato di nascondere.

Sì, ma questo non è un eccezionalità solo cinese. Gli Stati Uniti e l’Europa sono serviti come punti di impatto (Ground zeros ndt) anche per nuove influenze, recentemente H5N2 e H5Nx, e le loro multinazionali e procure neocoloniali, hanno determinato l’emergere di Ebola in Africa occidentale e Zika in Brasile. Funzionari della sanità pubblica statunitensi “incaricati” per l’industria agroalimentare durante gli scoppi di H1N1 (2009) e H5N2.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha ora dichiarato una “emergenza sanitaria di interesse internazionale”. Questo passaggio è corretto?

Sì. Il pericolo di un tale agente patogeno è che le autorità sanitarie non gestiscano la distribuzione del rischio statistico. Non abbiamo idea di come l’agente patogeno possa rispondere. Siamo passati da un focolaio in un mercato a infezioni random in tutto il mondo nel giro di poche settimane. L’agente patogeno potrebbe semplicemente bruciare. Sarebbe grandioso certo. Ma non lo sappiamo. Una migliore preparazione aumenterebbe le probabilità di ridurre la velocità di fuga del patogeno. La dichiarazione dell’OMS fa anche parte di quello che chiamo teatro della pandemia. Le organizzazioni internazionali sono morte a causa dell’inerzia. Mi viene in mente la Società delle Nazioni. Il gruppo di organizzazioni delle Nazioni Unite che è sempre preoccupato per questioni legate alla sua rilevanza, al suo potere e ai finanziamenti. Ma tale attivismo può anche convergere sull’attuale preparazione e prevenzione di cui il mondo ha bisogno per interrompere le catene di trasmissione di Covid-19.

La ristrutturazione neoliberista del sistema sanitario ha peggiorato sia la ricerca che l’assistenza generale dei pazienti, ad esempio negli ospedali. Che differenza potrebbe fare un sistema sanitario meglio finanziato per combattere il virus?

C’è la storia terribile ma significativa dell’impiegato della compagnia di dispositivi medici di Miami che al suo ritorno dalla Cina, con sintomi simil-influenzali, ha fatto la cosa giusta per la sua famiglia e per la sua comunità e ha chiesto a un ospedale locale di testarlo per Covid-19. Era preoccupato che la sua opzione minima di Obamacare non coprisse i test. Aveva ragione. All’improvviso si è ritrovato con un addebito di 3270 dollari.

Una richiesta al sistema statunitense potrebbe essere l’approvazione di un decreto di emergenza che prevede che durante una pandemia, tutte le fatture mediche in sospeso relative al test di positività e al trattamento a seguito di un test positivo, dovrebbero essere pagate dal governo federale. Dopo tutto vogliamo solo incoraggiare le persone a cercare aiuto, piuttosto che nascondersi — e infettare gli altri — perché non possono permettersi un trattamento. La soluzione ovvia è un servizio sanitario nazionale – dotato di personale completo e attrezzato per gestire tali emergenze in tutta la comunità – in modo che un problema così ridicolo come scoraggiare la cooperazione comunitaria non si verifichi mai.

Non appena il virus viene scoperto in un paese, i governi di tutto il mondo reagiscono con misure autoritarie e punitive, come la quarantena obbligatoria di intere zone rurali e città. Tali misure drastiche sono giustificate?

Utilizzando un focolaio come banco di prova, o beta-test sull’ultimo controllo autocratico post-epidemia, ne risulta che il capitalismo, in caso di catastrofe, va in fumo. In termini di salute pubblica, propenderei dalla parte della fiducia e della compassione, che sono importanti variabili epidemiologiche. Senza nessuno delle due, le amministrazioni perdono il supporto delle loro popolazioni.

Il senso di solidarietà e del rispetto comune svolgono un ruolo fondamentale per suscitare la cooperazione di cui abbiamo bisogno, per sopravvivere insieme a tali minacce. Le auto-quarantene con il giusto supporto da parte di “brigate” di quartiere, adeguatamente addestrate, scorte per l’approvvigionamento alimentare distribuiti porta a porta, permessi di lavoro e il riconoscimento di assicurazione di disoccupazione – possono suscitare quel tipo di cooperazione, che ci fa sentire che siamo tutti insieme (ad affrontare il problema ndt).

Come forse saprà, in Germania con l’AfD [2] c’è un partito nazista di fatto con 94 seggi in parlamento. L’estrema destra nazista e altri gruppi in associazione con politici dell’AfD stanno usando la Crisi da covid-19 per la loro agitazione. Diffondono (falsi) rapporti sul virus e chiedono al governo ulteriori misure autoritarie: limitare i voli e le fermate d’ingresso per i migranti, le chiusure delle frontiere e la quarantena forzata.

Divieti di viaggio e chiusure delle frontiere sono richieste con le quali la destra radicale vuole “razzializzare” quelle che oggi sono malattie globali. Questa è, ovviamente, una sciocchezza. A questo punto, dato che il virus è già sulla buona strada per diffondersi ovunque, la cosa ragionevole da fare è lavorare sullo sviluppo di quel tipo di resilienza della salute pubblica, grazie alla quale non importa chi manifesta un’infezione, abbiamo i mezzi per trattare e curare chiunque. Naturalmente, in primo luogo bisogna smettere di rubare la terra delle persone negli altri paesi e di causare gli esodi, in modo da poter impedire agli agenti patogeni di emergere.

Quali sarebbero i cambiamenti sostenibili?

Al fine di ridurre la comparsa di nuovi focolai di virus, la produzione alimentare deve cambiare radicalmente. L’autonomia degli agricoltori unita ad un forte settore pubblico possono frenare i mutamenti ambientali e le infezioni in fuga. Introdurre varietà di specie e colture – e ricostituzione strategica – sia a livello di azienda che a livello regionale. Consentire al bestiame di riprodursi in loco per trasmettere immunità testate. Collegare la produzione essenziale alla sola circolazione. Introduzione delle integrazioni per calmierare i prezzi e programmi di acquisto per i consumatori a sostegno della produzione agroecologica. Questi esperimenti vanno difesi sia dalle compulsioni che l’economia neoliberista induce su individui e comunità, sia dalla minaccia della repressione statale guidata dal capitale.

Cosa dovrebbero chiedere i socialisti di fronte alla crescente dinamica delle epidemie?

L’agroindustria come modalità di riproduzione sociale deve essere definitivamente chiusa, se non altro per motivi di salute pubblica. La produzione di alimenti altamente capitalizzata dipende da pratiche che mettono in pericolo l’intera umanità, in questo caso contribuendo a scatenare una nuova pandemia mortale.

In primo luogo dovremmo chiedere che i sistemi alimentari siano socializzati in modo tale da impedire ai patogeni pericolosi di emergere. Ciò richiederà innanzitutto il reinserimento della produzione alimentare nei bisogni delle comunità rurali. Ciò necessiterà pratiche agroecologiche che proteggano l’ambiente e gli agricoltori mentre coltivano il nostro cibo. Come quadro generale, dobbiamo curare le fratture metaboliche che separano le nostre ecologie dalle nostre economie. In breve, abbiamo un pianeta da riconquistare.

Grazie mille per l’intervista.

Note:

[1] SASSEN, Saskia; MARTINOTTI, Guido; PALMIERI, Carla. Città globali: New York, Londra, Tokyo. UTET Libreria, 1997.

[2] Alternative für Deutschland – AfD

Fonte: https://climateandcapitalism.com/2020/03/11/capitalist-agriculture-and-covid-19-a-deadly-combination/

Traduzione: Redazione Malanova.info

Questo articolo parla di:

archiviato sotto: ,

Il blog di Stefania Sarsini
I DIRITTI DEGLI ANIMALI

Le origini del virus e lo sfruttamento degli animali
"Nell’Europa del virus arrivano i bombardieri Usa da attacco nucleare"
"ABBIAMO PIÙ’ SENATORI DEGLI USA?"

LIBERACITTADINANZA
ACIREALE