Roma, lettera insegnanti istituto Salacone a Mattarella: "Siamo coi rom, ma lo Stato dov'è?"

di I genitori e gli insegnanti dell’I.C. Simonetta Salacone - 15/05/2019
Nei giorni delle proteste di Casal Bruciato, a Torrenova una staffetta tra mamme e maestre per proteggere una donna nomade, e i suoi figli, assegnatataria di una casa popolare. Oggi l'appello al capo dello Stato: "E' normale che delle persone debbano organizzare dei turni per salvaguardare l'incolumità di una di loro?"

Roma, 10 maggio 2019

Alla cortese attenzione di
Presidente della Repubblica Sergio Mattarella
Presidente del Consiglio Giuseppe Conte
Ministro dell’Interno Matteo Salvini
Responsabile del Dipartimento per le pari opportunità presidenza del consiglio
Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti
Sindaca di Roma Virginia Raggi
Prefetto di Roma Paola Basilone
Assessora alla persona del Comune di Roma Laura Baldassarre
Responsabile Affari generali del Comune di Roma Lucietta Iorio
Dirigente responsabile delle politiche abitative del Comune di Roma Maurizio Bianchini
Al Presidente del VI Municipio di Roma Roberto Romanella
Responsabile dei Servizi Educativi del VI Municipio
Responsabili dell’Ufficio Settore Accoglienza del VI Municipio

Siamo genitori e insegnanti dell’I.C. Simonetta Salacone, la scuola che frequentano tre delle quattro figlie di Suzana, la donna rom (nata in Italia) che ha finalmente avuto la possibilità di dare una casa alla sua famiglia con l’assegnazione di un alloggio popolare a Torrenova. Un diritto che si è conquistata regolarmente e legalmente.

Ciò nonostante da quando è entrata nel suo alloggio è stata ed è continuamente minacciata, insultata, molestata da persone fomentate e sostenute dalla formazione di estrema destra Azione frontale, il cui presidente, tale Ernesto Moroni, è l’autore dell’invio di teste di maiale alla comunità ebraica di Roma nel gennaio del 2014: organizzano presidi sotto casa sua, la insultano con slogan razzisti di giorno e di notte, insultano le sue bambine appena si affacciano nel cortile condominiale; qualche sera fa le hanno staccato la corrente elettrica.

Fortunatamente Suzana ha trovato ad accoglierla anche splendidi vicini di casa, che la stanno sostenendo come possono. E la stiamo sostenendo anche noi, genitori e insegnanti, organizzando dei turni per non lasciarla sola di notte, aiutandola ad arredare la sua casa, continuando a motivarla nella sua coraggiosa scelta di lasciare il campo per una nuova vita nella sua casa. Facciamo tutto questo con gioia e senso di appartenenza ad una comunità, la nostra scuola, inclusiva, democratica e antifascista, ma ci chiediamo se sia normale. Possibile che delle persone debbano organizzare dei turni per salvaguardare l’incolumità di una di loro? Possibile che delle bambine debbano essere terrorizzate? Insultate? Che le autorità conoscono gli autori di queste violenze e lasciano che continuino a perpetrarle? Le bambine di Suzana sono le nostre bambine. Suzana è una di noi.

Non possiamo tollerare che le compagne delle nostre figlie e dei nostri figli subiscano quotidianamente violenze e umiliazioni. In quale paese viviamo? Continueremo a presidiare la casa di Suzana fino a quando non sarà sicura, continueremo ad impegnarci con lei perché prevalgano l’inclusione e l’interazione sull’odio fascista e l’intolleranza. La nostra scuola è intitolata a Simonetta Salacone. Simonetta diceva che “la scuola può tutto”. E noi le crediamo.

I genitori e gli insegnanti dell’I.C. Simonetta Salacone

cdgsimonettasalacone@gmail.com

Questo articolo parla di:

9 maggio 2019
17 marzo 2019

Droghe: come siamo messi?

Roberto Sbrana, psicologo La Spezia (1)
archiviato sotto: ,

Il blog di Stefania Sarsini
I DIRITTI DEGLI ANIMALI

Preghiera degli animali all’uomo

LIBERACITTADINANZA
ACIREALE

"Massimo Villone - Regionalismo differenziato o secessione occulta?"